Le caratteristiche principale di un bilanciatore Tecna

Tenca è un marchio che propone sempre nuovi prodotti al fine di avere dei risultati migliori rispetto al passato. I bilanciatori sono degli utensili professionali per industrie e simili che hanno un design in continua evoluzione perché siano più affidabili.

Le caratteristiche frutto di studi avanzati

La capocchia arrotondata risulta meno spigolosa rispetto al passato e ciò è un grande vantaggio per la sicurezza sul luogo di lavoro, garantendo una maggiore libertà di manovra, indispensabile quando si lavora su pezzi particolari come possono esser gli scatoloni di lamiera saldata. Il lavoro è pulito e sicuro grazie al morsetto in acciaio che blocca la fune del bilanciatore che è realizzata in fibra di nylon, resistente e duratura senza il rischio di sfilacciarsi o assottigliarsi nei punti sottoposti a maggior usura. Questo tipo di cora non deve nemmeno esser ingrassata, eliminando un sacco di problemi come la manutenzione continua che avveniva in passato e l’accumulo di sostanze come polviscolo, residui di lavorazione dannosi etc. A fine corsa si noterà una maggiore ammortizzazione resa possibile da una molla. Tutto ciò concorre a una maggiore qualità del semilavorato.

I nuovi accessori

I nuovi bilanciatori tecna sono insomma dei prodotti molto più validi rispetto al passato, anche grazie all’aggiunta di due accessori: il dispositivo di blocco e freno ammortizzatore.

Il primo è un sistema di bloccaggio detto dinamico poiché rende possibile bloccare un utensile in ogni genre di posizione in cui è più utile all’operatore che potrà perciò lavare in modo più fluido e facile, nella posizione più comoda e congeniale. Di certo un vantaggio non indifferente se si conta che il carico viene posizionato senza nemmeno dover intervenire sul sistema di blocco manuale. Il freno ammortizzatore dei bilanciatori tecna è il dispositivo che aumenta la sicurezza poiché è quello che interviene in situazioni al limite, riducendo in modo graduale la velocità della fune rendendo possibile un arresto morbido del carico. L’operatore è più sciuro e può lavorare meglio rispetto quanto accadeva in passato.

Scommesse sportive: Betrally e gli altri online better che le hanno rese popolari

Ti affascina il mondo delle scommesse sportive? Betrally e gli altri siti per le scommesse online sono il “posto” ideale per te, se vuoi provarti nelle tue prime puntate ma senza troppi rischi e in tutta comodità. Ci sono dei vantaggi innegabili, infatti, che il digitale e la possibilità di scommettere in Rete hanno portato al mondo del betting. Primo tra tutti quello di poter fare tutto direttamente da casa, col proprio PC o col proprio smartphone, e utilizzando semplicemente la propria connessione a Internet. In questo modo scommettere si è trasformato in qualcosa da poter fare in tempo reale, ventiquattro ore su ventiquattro. Senza considerare che, per la prima volta, gli appassionati della materia hanno avuto la possibilità di puntare su praticamente qualsiasi disciplina e qualsiasi campionato: i centri scommesse di quartiere, infatti, si concentrano in genere su pochi sport, i più seguiti, mentre un online better ha tutto da guadagnare nel accontentare anche i gusti più di nicchia.

Come hanno cambiato il mondo delle scommesse sportive Betrally e co.

Quello che hanno fatto al mondo delle scommesse sportive Betrally e co. è stato, insomma, allargare, e di molto, l’offerta da un lato e il “pubblico” di riferimento dall’altro. Scommettere è diventato cioè, grazie al digitale, un passatempo per molti ma non ha perso per questo uno dei suoi caratteri principali: l’essere una forma di divertimento, al pari di tanti altri giochi come lotterie e simili. Se è vero che una delle cose che si sente più comunemente dire sul betting online è che assicura maggiori opportunità di vincita (grazie a quote migliori, offerte e bonus speciali, eccetera), infatti, è vero anche che le promesse di guadagno non sono state mai – e continuano a non esserlo anche per chi punta online – la leva e l’attrattiva principale. Lo spirito di competizione, la possibilità di sfidare gli amici, siano anche quelli “virtuali” di una community online, la voglia di mettere alla prova le proprie conoscenze specifiche su una disciplina e le capacità di previsione valgono bene una puntata, on o offline che sia poco importa.

Vacanze sull’altipiano cimbro: attività ricreative in un paesaggio mozzafiato

Un hotel lavarone è il punto di partenza perfetto per trascorrere una giornata in montagna all’insegna della natura e delle attività ricreative, in particolare per tutta la famiglia, bambini compresi.

Il territorio

Il territorio che circonda Lavarone è altipiano cimbro dove il paesaggio è davvero bellissimo e sembra di esser dentro a una cartolina. Le montagne con le loro vette altissime sono ricoperte da una vegetazione ricca di foreste di latifoglie e aghifoglie dove le temperature estive vengo mitigate proprio dagli alberi. Non solo boschi ma l’altipiano conta anche laghi alpini dove è possibile balenare e avere un po’ di refrigerio dopo esser staia a crogiolarsi sotto il sole. Il paesaggio montano permette di avere un momento in completa immersione nella natura che qui è incontaminata e ricca. È anche facile avvistare qualche animale selvatico come caprioli, cervi e altro ancora per un incontro davvero unico, impossibile in valle.

Le attività

In inverno è ovvio che qui sull’altipiano tra Laavrone. Luserna e Folgaria sono gli sport sulla neve da farla da padrone grazie a un comprensorio sciistico molto ampio che permette di stare sugli sci tutto il giorno e affrontare sempre nuove percorsi. In estate però la montagna offre altrettante attività per trascorre la giornata e divertirsi tutti assieme. Si parte sempre da hotel lavarone che offre tutti i servizi a chi desidera praticare sport come la mountain bike, dato che qui gli itinerari possibili sono moltissimi, per tutte la difficoltà: dai principianti ai più esperti. Altri sport che si praticano moltissimo in montagna sono il climbing, la roccia e l’arrampicata, che stano avendo un enorme successo di pubblico, aumentando gli appassionati di questa disciplina che permette di vivere la montagna in modo tuto diverso. Ci sono moltissime pareti di roccia dove è possibile allenarsi o provare per la prima volta assieme a un istruttore.  Altri sport sono il trekking, a piedi o anche a cavallo, il nuoto, il golf e moltissimo altro ancora.

Vacanze in montagna con tutta la famiglia

La montagna è la destinazione perfetta per tuta la famiglia poiché qui si può trovare ciò che serve per il relax degli adulti e il divertimento per i più piccoli. Il lavarone hotel vanta una gestione famigliare per poter godere a pieno del calore e dell’accoglienza tipica della montagna. Chi desidera sentirsi coccolato, può affidarsi alla maggiore esperienza di chi lavora in questo settore da molti anni, potendo anche indirizzare ogni ospite verso l’attività più congeniale per lui.

Alla scoperta del bosco

Il bosco è un luogo incantato che i bambini e le famiglie amano molto. Le attività nel bosco sono molteplici: dalle semplici passeggiate ed escursioni in mountain bike al festival dedicato ai ragazzi e al gioco “il Festival del Gioco”, appunto. Il bosco dà alla vacanza in montagna ha un valore aggiunto e i bambini sono finalmente liberi di sperimentare la loro fantasia e l’immaginazione all’terno del bosco, lontani di piccoli parchi giochi cittadini compresi tra due strade trafficate. Pezzi di alberi, rai, foglie, fiori, corteccia etc. sono la base per poter giocare come si faceva una volta, dimenticandosi per un attimo dello smartphone, del tablet e di altri apparecchi elettronici che sono dannosi per i bambini. La libertà che i bambini hanno nel bosco è introvabile e possono trascorrere delle ore libere anche dall’afa grazie alla volta arborea che ripara dai raggi solari.

Tanti tani giochi

Per i più piccoli tutte le ore del giorno in montagna sono dedicate al gioco. Non solo nel bosco ma le attività che si possono fare per svagarsi in montagna sono dislocate anche in altri luoghi, come i musei, la biblioteca, l a piscina, il lago etc. Il lavarone hotel si trova infatti vicinissimo anche a lagni alpini dove è possibile balenare o anche guardare i fuochi d’artificio nelle serate di festa patronale. Per potere avere un contatto maggiore con la natura e la vita in montagna, si può anche organizzare una gita in malga dove producono latte a formaggi.

 

La piramide alimentare: un metodo per perdere peso in modo efficace senza alcuna rinuncia

Chi ha detto che per dimagrire bisogna evitare di consumare determinati cibi? La maggioranza dei dietologi è concorde nell’affermare che una dieta sana ed equilibrata non possa prescindere da alcun tipo di alimento e nutriente: quello che conta infatti sono le quantità, da calibrare in maniera attenta e precisa.

A questo scopo la maggior parte dei regimi dietetici si basa sulla cosiddetta piramide alimentare, una sorta di classificazione dei cibi in base al loro potere nutrizionale, che ha lo scopo di rendere la dieta variata ed equilibrata, sia dal punto di vista della qualità degli elementi nutritivi, sia da quello della quantità degli alimenti.

Per maggiori approfondimenti sulla piramide alimentare potete consultare il sito  www.comeperderepeso.net, in cui troverete molti altri consigli utili per dimagrire in modo corretto e soprattutto senza rinunce.

Come funziona la piramide alimentare?

Nata in America allo scopo di ridurre il consumo di grassi di origine anima – di norma più dannosi rispetto a quelli di natura vegetale – la piramide alimentare è divenuta negli anni la base di ogni tipologia di dieta.

Il suo funzionamento si basa sulla suddivisione dei cibi in base ai loro elementi nutritivi, e man mano che si sale al vertice della piramide si riduce la loro frequenza di consumo.

La parte bassa della piramide privilegia dunque gli alimenti da consumare in abbondanza ogni giorno, come ad esempio frutta e verdura, che sono per questo motivo il gradino più basso di tale figura.

Al secondo posto troviamo invece i carboidrati, tutt’altro che demonizzati all’interno di una dieta bilanciata: infatti basta solo ridurne il consumo privilegiando i cereali non raffinati rispetto a quelli lavorati, poiché più ricchi di fibre.

Ancora più in alto rispetto ai farinacei troviamo i grassi animali e vegetali, come l’olio e il burro, che vanno utilizzati all’interno della propria diete quotidiana ma con moderazione.

Altri alimenti consigliati in un regime dietetico equilibrato sono il latte e lo yogurt, che completano la parte basilare del tronco di piramide.

Per quanto riguarda invece formaggi e latticini in genere, essi fanno parte di quel gradino di piramide per il quale si raccomanda un consumo settimanale a giorni alterni, al pari di carne bianca e pesce.

La carne rossa e le uova invece si trovano al penultimo gradino della piramide, in quanto il loro consumo eccessivo porta ad un aumento dei livelli di colesterolo. Ecco perché consumarla una sola volta a settimana è buona prassi.

Il penultimo gradino della piramide è occupato dai cibi da consumarsi occasionalmente, ossia non proprio tutte le settimane, ma giusto qualche volta al mese. Tra questi rientrano dolci, gelati e cibi ricchi di grassi, oltre che i fritti di ogni tipo.

Al vertice della piramide troviamo invece il sale, un condimento che deve essere assunto assolutamente in piccole quantità, pena complicazioni patologiche come l’ipertensione, la quale è a sua volta cause di malattie cardiovascolari.

Inoltre il sale è responsabile dell’aumento dei livelli di calcio e di minerali, il cui accumulo nei reni porta alla calcolosi.

Una guida agile, completa e online alla scelta del passeggino giusto

C’è un momento, durante la gravidanza, in cui tutti i genitori arrivano alla stessa (fatidica) domanda: qual è il passeggino giusto per il mio bambino? Trovare una risposta potrebbe essere meno semplice di quello che si immagina, tanto più che brand e aziende del settore hanno ormai cataloghi molto ampi, differenziati e in cui orientarsi potrebbe risultare davvero piuttosto difficile – specie se si è alle prime volte e non si ha ben chiaro in mente quali sono le esigenze reali del proprio bambino. C’è una principio, però, su cui la maggior parte dei genitori si trova d’accordo: ben più che le tradizionali carrozzine, ci sono oggi alternative comode e pratiche come i passeggini leggeri. Posti come http://passegginoleggero.net/ rappresentano, in questo senso, la miglior guida immaginabile alla scelta del prodotto che fa più al caso proprio, per essere sicuri di portarsi a casa qualcosa in grado di soddisfare davvero (tutte!) le proprie esigenze.

Come scegliere il passeggino migliore? Scoprilo in Rete!

Come avviene per molti altri accessori per la prima infanzia, infatti, ci sono una serie numerosa di fattori che vanno presi in considerazione prima e per scegliere il passeggino leggero per il proprio bambino. Sono fattori come l’utilizzo che se ne farà (si amano le lunghe passeggiate? ci si muoverà per lo più in città?), l’età e il peso del piccolo, gli eventuali problemi di spazio (soprattutto se si intende trasportare il passeggino in macchina, lo si deve salire e scendere quotidianamente da scale molto ripide o non si hanno a disposizione spazi in cui riporlo quando non lo si utilizza), gli accessori di cui si necessita e, inevitabilmente, anche la spesa che si può sostenere. Guai, insomma, a farsi trovare impreparati! Prima di rivolgersi al rivenditore di fiducia, spulciare un sito come http://passegginoleggero.net/ può rivelarsi allora molto utile: al suo interno sono raccolte infatti tutte le informazioni di cui si può aver bisogno e, se si è fortunati, si possono trovare anche recensioni, pareri di genitori che hanno già utilizzato il modello in questione e ne conoscono per questo pro e contro reali. Senza contare che nella maggior parte dei casi sono riportate le schede prodotto dei diversi passeggini in commercio in modo che, più facilmente certo di quanto si potrebbe fare in un negozio fisico, se ne possano confrontare così le caratteristiche tecniche. Conoscere in anticipo quanti più dettagli possibile sul prodotto, del resto, è l’unico modo per assicurarsi di non ritrovarsi con qualcosa di inutilizzabile o che non riesca a soddisfare – o non farlo abbastanza, per lo meno – i propri bisogni (che siano legati alla praticità, al comfort, alla sicurezza poco importa). C’è di più, però, spesso tramite siti come questi si può venire a conoscenza di offerte e promozioni speciali che permettono di risparmiare un po’ sulla spesa – non di certo modica – che si deve essere disposti a sostenere per l’acquisto del passeggino, specie se si è disposti anche ad acquistarlo online!

Cose da sapere sulle sigarette elettronico

Fumare fa male e questo lo sanno tutti, la scelta infatti ricade sempre sullo smettere. Quindi c’è chi interrompe subito e dopo poco ricomincia perché non riesce a controllarsi, altri soggetti si buttano sul cibo, c’è anche una grande percentuale di persone che optano per i cerotti anche se in pochi riescono nel loro intento. Ma le sigarette elettroniche funzionano? Riescono realmente a far smettere di fumare? Ecco 10 punti che schiariscono un po’ le idee a chi sta leggendo questo articolo.

  1. Le sigarettaelettronicamigliore.com con il liquido contenente nicotina fanno meno male. Il paragone con le sigarette classiche non è neppure da fare, in quanto quest’ultime sono ultra dannose.
  2. Molti modelli venduti sono riusciti veramente a far smettere di fumare le persone. Mentre con le sigarette normali non si smette affatto semmai si peggiora con le quantità.
  3. È possibile regolare la quantità di nicotina e altri elementi tossici al suo interno. Quindi è come avere la un prodotto poco dannoso regolabile a tal punto da diventarlo ancora meno.
  4. Aiuta a smettere senza farlo di colpo, interrompere da un giorno a un altro non è semplice. Specie per chi fuma da anni possono esservi grandi ricadute dopo.
  5. C’è chi unisce le due cose ma con il risultato di smettere definitivamente. Ovvero in principio fuma 1 pacchetto di sigarette. Successivamente passa a ½ pacchetto più la sigaretta elettronica e infine solo quest’ultima.
  6. Chi non ha il vizio può smettere anche senza le sigarette elettriche, tuttavia molti di questi prodotti sono stati venduti anche a persone che non erano dei fumatori con la dipendenza. Il motivo è semplice, le persone seguono quello che fanno gli altri. Basta prendere d’esempio una persona che beve poco alcol ma quando è in compagnia alza molto il gomito, l’esempio è lo stesso.
  7. Va tenuto presente che le sigarette elettroniche (quindi anche tutte le sostanze da usare con tali prodotti) non sono innocue. Dunque, non è il caso di eccedere con il loro utilizzo perché ritenute migliori delle sigarette classiche.
  8. Gli esperti dichiarono che le sigarette elettriche sono meno dannose e i danni che possono fornire al corpo sono nettamente minori per chi usa invece la sigarette classiche, ovvero quelle ha combustione.
  9. La sigaretta elettronica è la sostituta perfetta della sigaretta a combustione (la classica), però non deve risultare l’ultima spiaggia. Ovvero è bene interrompere anche l’uso di quest’ultima.

I risultati con il tempo si vedono, basta avere un po’ di volontà e non ricadere sulla nicotina delle sigarette. Fumare non ha mai giovato a nessuno, inoltre non si è mai sentito dire che è possibile smettere di fumare mantenendo il vizio, mentre con le sigarette elettroniche è molto più facile perdere questa brutta abitudine.

Un’altra differenza tra le sigarette classiche e quelle elettriche, risiede nella possibilità di regolare la nicotina e altri elementi dannosi per il corpo. Questo però è possibile solo con le sigarette di oggi, quelle tecnologiche che hanno liquidi con o senza nicotina.

Deumidificatori: la guida completa per scegliere il migliore

Il deumidificatore è un apparecchio davvero molto utile che serve per togliere l’umidità in eccesso che si può creare in ambienti come il bagno dove si usa l’acqua calda, in cucina dove ci sono le pentole sul fuoco o semplicemente in ambienti esposti a nord. Per poter trovare il prodotto migliore ecco alcuni fattori da tenere in considerazione.

Il volume dell’ambiente

Un deumidificatore perché funziona bene e riesca a togliere l’umidità in eccesso dalla stanza deve essere commisurato al volume della stanza stessa. Si deve perciò verificare che il deumidificatore sia abbastanza potente per trattare l’aria di un ambiente più o meno grande. Prima di accingersi all’acquisto di un elettrodomestico di questo tipo è sempre bene prendere, anche grossolanamente, le misure dell’ambiente, o degli ambienti, dove si intende piazzare il deumidificatore.

Il consumo energetico

Dato che il deumidificatore è un apparecchio che deve restare acceso diverse ore al giorno perché raggiunga il suo scopo. È importantissimo che i suoi consumi energetici siano molto ridotti. Per poter fare ciò si deve controllare la classe energetica che dovrebbe essere A o, meglio ancora, superiore. Se si dovesse prediligere un deumidificatore che non ha queste caratteristiche si corre il rischio di aumentare la richiesta di energia. Facendo aumentare la bollette non solo. Altre conseguenze spiacevoli quando non si verifica questo fattore sono: il rischio di far saltare la corrente ogni volta che si intende accendere un altro elettrodomestico che richiede molta energia come può esser il forno.

La capacità di deumidificazione

Un fattore che va sempre considerato quando si acquista un nuovo deumidificatore è la sua capacità di deumidificazione cioè quanto vapore acqueo la macchina è in grado di rimuovere dall’aria che viene prelevata, riuscendo così da asciugare gli ambienti. Questo valore è espresso in litri di acqua all’ora cioè quanta acqua viene tolta dall’aria nel giro di un’ora di tempo. Più alto sarà questo valore, maggiore sarà la velocità con cui il deumidificatore sanifica l’aria.

Fonte: deumidificatore.net

Idea regalo per la Cresima, cosa comprare

Un’idea regalo da fare ad un ragazzo o ad una ragazza in occasione della cresima è quella di regalare una macchina fotografica istantanea, comoda e compatta da portare sempre con se durante una gita, una vacanza o semplicemente ad una festa.

Certo i ragazzi d’oggi sono abituati a scattare foto con i loro cellulari di ultima generazione, ma sicuramente saranno catturati dal fascino retrò della classica macchina fotografica, disponibile sul mercato in diverse versioni e dai colori accattivanti e di moda.

Esistono diversi modelli che variano a seconda delle caratteristiche, e di conseguenza anche il prezzo lievita, , ma tutte hanno in comune la particolarità di essere maneggevoli e particolarmente semplici da usare.

I vantaggi sono molti, prima di tutto la possibilità di avere tra le mani la foto scattata in soli 30 secondi, grazie alla piccola stampante contenuta all’interno, inoltre le immagini sviluppate hanno un fascino unico ed i colori resistono nel tempo, migliora l’approccio con la fotografia e rende più creativi.

E’ disponibile in due versioni: digitale o analogica, la prima permette di visualizzare sul display la foto per poi decidere se stamparla oppure no, in questo modo i ragazzi sviluppano il senso critico delle loro realizzazioni cercando magari di migliorarsi, mentre l’altra dopo lo scatto la stampa immediatamente.

Se questa idea regalo non fa al caso tuo, ti consigliamo il portale IdeaRegalo.it, per ricevere originali idee regalo per la prima comunione e per la cresima di un ragazzo o una ragazza.

 

Come si produce il formaggio di malga per eccellenza: il Vezzena

Il Vezzena è un tipico formaggio di malga che viene prodotto dal caseificio con il latte conferito dalle maghe presenti sull’altipiano cimbro tra Lavarone, Luserna e Folgaria. Si tratta di latte che ha proprietà particolari poiché le mucche di razza bruna e grigia alpina sono alimentante solo ed esclusivamente con erba di pascoli di alta montagna. Le mucche sono libere di pascolare tra i prati di alta montagna tutto il giorno dove trovano erba fresca mista ad ebre spontanee che conferiscono a latte un sapore particolare, ricco e rotondo.

Per la produzione del formaggio Vezzena, il caseificio di Lavarone e altipiano Cimbro non usa altro che latte senza usare coloranti, additivi e conservanti artificiali. Si mescolano insieme infatti il latte munto la sera e quello munto al mattino che è un po’ più magro. Si aggiunge il caglio di origine bovina ce nient’latro. Grazie al calore si forma la cagliata, cioè dei piccoli agglomerati di latte cagliato che vengono poi raccolti con dei teli di cotone e messi nelle forme. Il siero di latte del scolare via e lasciare solo il formaggio cagliato, il quale riposa per 4 giorni. Dopo i primi giorni, la forma del formaggio Vezzena viene poi tolta e messa in salamoia oppure viene fatta una salatura a secco. A questo punto il formaggio è pronto per la fase della stagionatura

Il periodo di stagionatura dipende dal tipo di formaggio che si intende ottenere alla fine del processo. Con stagionature più brevi il formaggio Vezzena resta bianco, morbido e sa ancora molto di latte. Se la stagionatura prosegue, sempre pulendo ogni 10 giorni le forme evitando la formazione di muffe, il formaggio di malga Vezzena può restare in magazzino sugli scaffali di legno anche per due anni. Il formaggio che ne risulta è il Vezzena stravecchio che si caratterizza per una pasta gialla, dura e molto saporato. Può esser anche grattugiato per aggiungere il sapore di montagna ai pitti di tutti i giorni.