I sistemi di fissaggi dei i seggioli auto: quali sono

Sono principalmente due i sistemi che esistono per fissare un seggiolino per bambini al sedile dell’automobile. Uno è il classico sempre utilizzato cioè la cintura di sicurezza dell’automobile, l’altro è il nuovo sistema Isofix che prevede degli agganci predisporti in automobile.

Vediamo questi diversi sistemi a conforto per capire quale tutti i punti di forza e debolezza delle due alternative.

Con le cinture di sicurezza: il metodo più classico

Un primo modo di agganciare il seggiolino per auto al sedile è utilizzare le cinture di sicurezza. Infatti. Per fissare il seggiolino e garantire la sicurezza del bambino durante il tragitto, basta usare la cintura di sicurezza. La maggior parte dei modelli ha un passa cintura in cui inserirla per ancorare bene il supporto. Chi ha un’automobile un po’ datata senza i sistemi isofix, deve per forza orientarsi verso seggiolini per auto che si possa collegare senza gli agganci omologati isofix.

Il sistema che utilizza la cintura è valido, ma resta un po’ superato. La sicurezza del bambino è garantita ma non così tanto come l’altro sistema. Nonostante ciò, i seggiolini che si collegano con la cintura hanno un costo un po’ inferiore quindi si riesce a risparmiare leggermente. In passato si utilizzava sempre e solo la cintura di sicurezza dato che non esiste altro metodo, ma poi il seggiolino si è evoluto e si è trovato un altro modo per incrementare la sicurezza dei più piccoli a bordo.

Il sistema Isofix: l’innovazione

Oggi tutte le automobili prodotte hanno già incluso il sistema di fissaggio dei seggiolini per auto omologati. Ogni seggiolino per bambini che vuole il sistema Isofix si può mettere in automobile senza problemi di compatibilità, non serve infatti controllare che il seggiolino che vuole gli agganci Isofix vada bene per l’automobile o meno. È un sistema universale che permette di collegare il seggiolino in modo facile, garantendo un alto livello di sicurezza.

Il sistema isofix è il più sicuro che ci sia perché aggancia saldamente il seggiolino al sedile. La maggior parte dei modelli hanno anche un particolare piede di sostegno che impedisce al seggiolino di ribaltarsi in caso di incidenti, collisioni, tamponamenti etc. È la soluzione oggi migliore che ci sia per evitare brutte conseguenze anche di un semplice tamponamento nel tragitto tra casa e scuola, per esempio.

Aggiaccare il seggiolino con il sistema isofix è piuttosto facile e veloce, per nulla macchinoso. In tale modo si assicura il bambino al sedile: la sicurezza che si ottiene è la più alta in assoluto. La maggior parte dei seggiolini oggi in vendita oggi vogliono il sistema isofix per agganciarsi alle automobili, ma hanno un costo leggermente superiore a quelli basic che utilizzano solo la cintura di sicurezza. Il prezzo comunque non dipende solo dal sistema di fissaggio, ma piuttosto dal gruppo poiché un prodotto multi gruppo che va bene per diverse fascia di peso e altezza costa ovviamente di più.

Genitori alle prime armi: un portale per fugare ogni dubbio e perplessità

State per diventare mamma e papà per la prima volta: con ogni probabilità, la gioia e l’emozione per l’arrivo del vostro piccolo faranno il pari con paure e ansie. La cattiva notizia è che nessuno avrà mai tutte le risposte di cui avete bisogno e che, nella maggior parte dei casi, saranno errori e piccoli momenti di arresto a rendervi alla fine i migliori genitori che il vostro bambino avrebbe mai potuto desiderare. Per non farvi trovare impreparati, però, per fortuna c’è www.portalebimbo.it.

Tutti i vantaggi di un portale a prova di genitori e bambini

Come si prepara la perfetta borsa per l’ospedale? Quando si tratta, davvero, di contrazioni che di lì a poco vi porteranno in sala parto e come fare a riconoscerle? O, ancora, cosa si può mangiare durante l’allattamento e cosa rischia invece di dare fastidio al piccolo? Quali sono le attività giuste per stimolare le sue capacità mese dopo mese? Domande come queste sono solo un saggio dei mille dubbi e delle mille perplessità che affollano la mente di chi sta per diventare genitore o lo ha fatto da poco. La saggezza popolare, i rimedi della nonna, il potersi confrontare con chi ci è già passato e ha certo un po’ più di esperienza possono essere molto utili a trovare le risposte. Il vantaggio dei portali dedicati a genitori e bambini, però, è il racchiudere in un solo posto tutte le informazioni di cui si può aver bisogno e renderle disponibili a portata di click. Tra una poppata e l’altra, così, potrete consultare www.portalebimbo.it alla ricerca di un video-tutorial su come utilizzare il tiralatte o i pannolini lavabili per il vostro bambino o di una ricetta per fargli mangiare le verdure, se avete già iniziato lo svezzamento e sembra proprio non volerne sapere, ma perché no anche un rimedio possibilmente casalingo per le smagliature, il sonno arretrato e via di questo passo.

Da quando siete diventati genitori, del resto, sapete bene che ogni minuto di tempo è prezioso almeno quanto lo è sapersi destreggiare tra una scatola di giocattoli da sistemare, una lezione di mini-basket da non mancare e l’ultimo cartone animato preferito da conoscere a memoria perché possiate sfoggiarlo alle feste di compleanno e in competizione con le altre mamme e gli altri papà. Avere a disposizione una guida rapida, veloce e di facile consultazione quindi non può che rendere più pratiche le vostre giornale. Non a caso siti come PortaleBimbo.it sono ottimizzati anche per il mobile e per essere navigati in piedi sui mezzi, mentre si allenano le proprie capacità di multi-tasking. Poche categorie, ma semplici ed essenziali, vi permettono facilmente di trovare quello che state cercando. Senza contare che l’aggiornamento continuo e da parte di veri professionisti, appassionati del mondo del bambino e di tutto quello che ci gira intorno, vi assicurano informazioni corrette, credibili e davvero utili per la vostra routine quotidiana. Va da sé, infine, che dietro a siti come questi c’è in genere una community affezionata e attiva con cui potrete confrontarvi rispetto a ogni dubbio che riguardi il vostro bambino.

Perché studiare da privatista conviene

Conseguire il diploma da privati vista di liceo scientifico viene sotto diversi punti di vista. Sono infatti già moltissime le persone che hanno conseguito il diploma con questo partico sistema, ottenendo così tanti benefici nella propria vita. Vediamo allora perché il diploma di liceo scientifico online è la soluzione migliore che ci sia per esser formati e pronti per il mondo del lavoro, per l’università o anche per aprire un’attività commerciale. Maggiori dettagli sono su www.diplomaliceoscientifico.it

Seguire i corsi online

In metodo formativo che il diploma da privatista utilizza è quello dell’e-learning. Si tratta di un metodo del tutto rivoluzionario che sfrutta le potenzialità dei moderni sistemi di comunicazione. Oggi tutto è disponibile in rete e quindi anche i corsi per diplomarsi! Le lezioni da seguire per conseguire il diploma sono completamente online sulla piattaforma dedicata agli studenti. Basta a tediose lezioni frontali in classe; da oggi è possibile seguire il corso per il diploma comodamente online da casa, quando si vuole e come si vuole.

L’auto organizzazione dello studio

È un sistema molto più vantaggioso che premia l’auto organizzazione dello studente. Una persona che si accinge a conseguire il diploma di liceo scientifico ha anche bisogno di sviluppare una certa autonomia nello studio e nell’organizzazione. i corsi online sono gli unici che consentono agli studenti di capire come devono organizzarsi e qual è il metodo migliore per loro. Non tutti studiano e imparano nello stesso modo e alla stesa velocità: c’è chi è più comodo a afre una tirata tutta la notte e chi, invece, impara un po’ per volta, studiano un’ora al giorno. L’e-learning fornisce tutti i materiali di studio e poi sono i singoli studenti che decidono come organizzarsi le ore di studio, trovando il metodo che funziona meglio per loro. Questo è aun sistema per renderli più autonomi e consapevoli della loro istruzione, educazione e formazione. Spesso, costringendo gli studenti a un percorso organizzato, alcuni si perdono e non riescono a stare al passo, ma non perché siano stupidi ma solo perché quello non è il metodo migliore per loro.

Il conteggio degli anni già fatti

Tutti gli anni che sono già stati portati con successo a termine nelle normali scuole statali o paritarie valgono ai fii del conseguimento del diploma online. Vuol dire che gli anni passati a studiare ala scuola pubblica sono conteggiati come validi e lo studente non dovrà ricominciare da capo. È un vantaggio non da poco: a chi mancano solo degli anni al diploma, farà di certo prima con questo innovativo sistema. Chi ha frequentato passato l’anno al liceo scientifico, parte avvantaggiato. È possibile recuperare gli anni scolastici che mancano, condensandoli in uno solo. per esempio, chi ha fatto e finito il primo anno di liceo scientifico, mas poi non ha finito la seconda classe, può conseguire il diploma da privatista in un anno solo. Questo è possibile grazie al diploma che condensa 4 anni in uno solo, avendo già superato il primo annoi normale alla statale.

Ecco il nuovo volto dell’informazione locale su Parma e dintorni

L’informazione locale a Parma e dintorni ha un nuovo volte ed è quello di www.ilmattinodiparma.it. Aggiornamento continuo, copertura dei più importanti fatti che riguardano la città e il suo interland, ma con uno sguardo di certo più aperto e ampio, sono infatti la promessa di quello che è solo all’apparenza l’ennesimo sito di news e informazioni locali.

Così Il Mattino di Parma racconta la città e chi la vive

Per mantenerla, questa promessa di assumere un ruolo “guida” per la comunità e il territorio parmense, Il Mattino mette in gioco tanti strumenti diversi. La cronaca, certamente: giorno dopo giorno, infatti, le sue pagine offrono uno spaccato esaustivo di tutto quello che succede in città e in provincia, sia quando questo significa seguire le vicende politiche e consiliari, sia quando invece tocca affrontare nel loro farsi (gravi) casi di cronaca o – perché no – aggiungere un tocco di rosa con il gossip che ha per protagonisti i personaggi più in vista della zona. Come ogni giornale locale che si rispetti, però, www.ilmattinodiparma.it non potrebbe mancare della politica: per chi non abbia il tempo di seguire personalmente tutto quello che avviene nei palazzi e i retroscena, i suoi dettagliati resoconti sono il modo migliore per restare aggiornati e riuscire a farsi un’idea completa di giochi e strategie politiche locali. Dall’economia al turismo, passando per la casa e il benessere, comunque, sul sito c’è una sezione adatta per davvero ogni lettore e ogni cittadino di Parma che voglia tenersi informato. Senza contare che, all’occorrenza, le sue pagine sanno trasformarsi in una vera e propria “agenda” e  in uno strumento pratico in mano ai lettori: che sia per scoprire che mostre o che eventi culturali ci sono in programma o per sapere a chi rivolgersi in caso di emergenze, la risposta è qui sempre sottomano.

Scritto da professionisti dell’informazione che vivono nella città – e, soprattutto, vivono la città – Il Mattino di Parma, insomma, ha tutte le carte in regola per diventare la fonte di informazione di fiducia e prediletta per chi ha a cuore le sorti del territorio parmense…e non solo.

Parabrezza rotto: come è potuto succedere

Non è così raro come si può pensare avere il parabrezza rotto. La causa è un sassolino alzato dalle ruote degli altri veicoli che prende velocità e poi colpisce il parabrezza. Da questa piccola crepa, parte poi il danno. Se la piccola crepa viene ignorata, è facile che a breve il parabrezza si rampa del tutto impedendo la continuazione del viaggio. Ecco quali sono le possibili cause che stanno dietro al un parabrezza spaccato.

Il freddo

Il freddo è nemico del parabrezza. Una piccola crepa si ingrandisce quando il parabrezza si irrigidisce per colpa delle temperature glaciali. Se la crepa non viene riparata subito, può capite che il parabrezza si rompe e si è costretti a chiamare il carroattrezzi Roma per i soccorsi stradali.

Una frenata brusca

Il parabrezza già scheggiato si può rompere a causa di una brusca frenata. Se la crepa non è stata riempita subito, questa continua e spacca pian piano tutto il parabrezza. Quando si fa una brusca frenata, il parabrezza può saltare del tutto e infrangersi in mille pezzi. Non è possibile continuare per diverse ragioni tra cui la limitata visibilità.

Un rallentatore preso con troppa velocità

Se si prende con troppa velocità un rallentatore, il parabrezza che ah già una scheggiatura, si spacca del tutto. Le sollecitazioni del manto stradale sconnesso come buche e simili, sono spesso la causa del parabrezza infranto che costringe a chiamare il carroattrezzi Roma per rimorchiare il veicolo e condurlo presso l’officina meccanica più vicina.

Senza alcun tipo di motivo

La crepa creata da un sassolino che ha colpito il parabrezza continua se non viene riempita subito. Il  parabrezza può saltare da un momento all’altro senza alcun tipo di causa specifica. Non è possibile utilizzare l’automobile dopo un danno di questo tipo, nemmeno per andare presso al più vicina officina meccanica. L’unico sistema per arrivarci è chiamare il carroattrezzi che presta i dovuti soccorsi. Meglio riapre subito la crepa nel parabrezza perché  sicuro che prima o poi salti del tutto, ritrovandosi in una situazione scomoda.

Le spezie della cucina indiana: quali sono

La cucina indiana è famosa per il grande uso che fa delle spezie. Ci sono diversi sapori che al ristorante indiano Milano sono esaltati grazie proprio alle spezie. Vediamo di conoscerle meglio

La curcuma. La curcuma spesso si presenta in polvere dal colore giallo intenso che diventa arancione in cottura. Si ricava da una radice nodosa, simile allo zenzero. La curcuma conferisce non solo colore ai piatti del ristorante indiano Milano ma anche un sapore più intenso. È un antinfiammatorio naturale che fa benissimo all’organismo.

Il curry. La cucina indiana spesso è a base di curry. In realtà non è una spezia vera e propria ma un mix formato da altre spezie. Per tale ragione, ci sono dei curry più gialli perché contengono più curcuma, quelli più rossi ricchi di peperoncino e anche quelli che hanno un colore più scuro perché ricchi di pepe e semi di finocchio.

Il pepe. Come accennato prima, il pepe è una spezia molto usata nella cucina indiana, soprattutto per realizzare i mix di spezie per le diverse preparazioni. Si usa principalmente il pepe nero ma anche quello verde e bianco.

Il garam masala. Un altro mix di spezi che si usa moltissimo e si ritrova in diverse ricette del ristorante indiano Milano è il garam masala. Significa letteralmente spezia calda non per il suo colore ma piuttosto per il suo forte sapore. Al suo intero ci sono pepe bianco e nero, coriandolo, cannella, chiodi di garofano, cardamomo e anche noce moscata in dosi variabili. La si può preparare anche a casa, basta avere un mortaio.

Il cumino. I semi di cumino o il cumino in polvere sono molto usati nella cucina indiana per conferire un sapor forte e speziato soprattutto ai piatti a base di carne.

Il cardamomo. Il cardamomo è una spezia che si presenta in bacche verdi con all’intero delle piccole palline nere. Ha un odore molto forte, quasi balsamico e lo si usa così per aromatizzare il riso anche cioce al vapore o anche pestato nei mix di spezie.

Come organizzare un compleanno per bambini

Non è facilissimo organizzare un compleanno per bambini bisogno preoccuparsi di diversi aspetti: quando, dove, chi e cosa sono le domande a cui trovare rispondere.

Quando

La festa di compleanno si fa di solito il sabato o la domenica pomeriggio. È il momento ideale per festeggiare un bambino che compie gli anni.

Chi

Una cosa non facile è capire ci invitare. Tanti bambini invitano tutti i compagni di classe, ma non è obbligatorio fare così. Una festa di compleanno per un bambino può essere abbastanza stressante e alla fine basta invitare gli amici più stretti. Si può chiedere una mano al festeggiato per decidere chi invitare e preparare anche gli inviti. Decidere chi viene è fondamentale per capire cosa preparare.

Dove

Uno degli aspetti più decisivi per la festa è decidere dove farla. Se si è fortunati e il bimbo compie gli anni durante la bella stagione, si può organizzare la festa all’aperto, in un giardino pubblico o simile, sempre sperando nel bel tempo. In alternativa, oggi si opta per prenotare una sala privata come quella all’oratorio.

Cosa

Un aspetto molto importante per tutte le feste di bambini è cosa fare e anche cosa servire. Per l’animazione non serve molto anche perché i bambini si autogestiscono. Al massimo, basta preparare dei disegni da colorare. Per quanto riguarda il buffet, si può affaire il tutto a un catering professionale in modo da non doversene preoccupare. Per chi lavora, anche mezza giornata, diventa impossibile cucinare per tante persone e allora affidarsi al catering aiuta a non finire stanchi morti.

È sempre importante comunicare eventuali intolleranze e allergie al catering che preparerà tutto in maniera che anche chi ha delle limitazioni alimentari possa mangiare tutto senza rischio di stare male. La torta è un aspetto essenziale per il compleanno: affidarla al catering è la soluzione migliore per non dover anche andare in pasticceria a ordinarla e poi ritirarla con una conseguente perdita di tempo.

Per avere subito ulteriori dettagli, fai click su www.catering-roma.eu

I contro della casa di riposo: perché è meglio lasciare un anziano a casa sua 

Noia e tanto tempo libero senza nulla da fare

Un problema che le case di riposo hanno è la noia. Avendo tolto ogni attività quotidiani da una persona nella terza età, non resta poi molto da fare. Gli ospiti non devono più svolgere le normali azioni che prima occupavano il loro tempo a casa. La giornata è praticamente tutta vuota e non si può nemmeno uscire. Ci sono delle attività organizzate ogni tanto, ma si tratta solo di qualche ora, non di più. Alla fine, gli anziani restano parcheggiati con le loro carrozzine davanti alla tv per ore e ore, in preda alla noia. È vero che operazioni come cucinare non sono adatte per gli anziani, ma andare a fare un po’ di spesa con la badante a Roma e poi tornare a casa per cucinare tiene l’anziano molto più attivo e meno letargico.

Confusione e smarrimento

Uno dei più grossi rischia che un vecchio core se viene trasferirlo alla casa di riposo o residenza per anziani è sentirsi confuso. È una condizione molto frequente, soprattutto nelle persone che hanno qualche difficoltà cognitiva dovuta magari all’Alzheimer. Non conoscendo l’ambiente della casa di riposo, spesso gli anziani si possono sentire smarriti, non capire dove sono e la loro mente gli va vagare in ricordi lontani e li confonde. Chi è nella terza età non sopporta bene i cambiamenti e stare a casa sua, nella sua confort zone aiuta a mantenerlo più lucido, senza che si confonda così tanto come succede invece a chi sta in rsa.

Ricevere attenzioni saltuarie e cure sbrigative

Presso la residenza per anziani, il rapporto tra assistenti e assistiti non è molto alto perché ci sono molti ospiti e poche operatrici e infermerie. Questo causa uno scompenso nelle cure da ricevere. Moltissimi anziani sono quarti in modo sbrigativo e ricevono poche attenzioni. Questo non capita mai se la famiglia decide di lasciare il nonno a casa con la badante a Roma che si occupa solo ed esclusivamente di lui con attenzioni personalizzate e cure peculiari.

Premier League: i risultati parziali del turno infrasettimanale

In attesa delle gare delle big, la ventottesima giornata di campionato inglese si è aperta con la vittoria del Leicester, che sotto la nuova gestione di Brendan Rodgers ha battuto il Brighton col punteggio di 2-1.

A segno per i padroni di casa il capitano Jamie Vardy e Gray, mentre per gli ospiti il gol della bandiera è arrivato al 66’ con Pröpper.

Tre punti pesanti per la classifica delle Foxes che attualmente parla di un undicesimo posto e di 35 punti fin qui racimolati.

L’esonero di Puel è stato condizionato dalle ultime 5 gare del Leicester, in cui è stato raccolto solo un punto contro il Liverpool e con un passivo di 13 reti subite: un bilancio decisamente troppo pesante per una squadra che soltanto tre anni fa riuscì a sorprendere tutti conquistando il titolo nazionale sotto la guida illuminata di Claudio Ranieri, ora alle prese con il Fulham e una missione salvezza quasi impossibile.

L’esordio vincente in panchina di Brendan Rodgers, ex tecnico di Liverpool e Celtic Glasgow, riporta la vittoria a Leicester dopo oltre un mese di digiuno: infatti l’ultimo successo delle volpi in blu risaliva proprio ad inizio anno, nella gara in trasferta contro l’Everton.

Ma andiamo a vedere nel dettaglio come hanno accolto i siti con risultati calcio internazionale questo turno infrasettimanale di Premiership e gli esiti parziali finora maturati.

Vincono anche Everton e Newcastle

Tre punti pesanti anche per l’Everton, che surclassa con tre gol il Cardiff e sale al nono posto in classifica, agganciando il West Ham. Da segnalare la doppietta di Sigurdsson, che al 41’ e al 66’ ha messo la propria firma sul tabellino dei marcatori. A completare l’opera ci ha poi pensato Calvert-Lewin, che al minuto 93 ha siglato la rete del definitivo tris.

Bene anche il Newcastle di Benitez, che con il 2-0 rifilato al Burnley bissa il successo dello scorso turno di campionato contro l’Huddersfield Town.

Proprio quest’ultimo si è poi risollevato da tale recente sconfitta, battendo di misura il Wolverhampton e conquistando 3 punti che per ora valgono ancora l’ultima piazza in classifica, ma che servono a ridurre a tre le lunghezze da recuperare sul Fulham, che nel turno infrasettimanale dovrà affrontare il Southampton.

Per i Wolves la salvezza sembra ancora un miraggio, anche se ritrovare la via del gol e della vittoria dopo ben 14 turni all’asciutto è comunque una buona medicina per le gambe e soprattutto per il morale dei giocatori.

Tornando invece ai Magpies, la squadra di Rafa Benitez allunga una striscia di risultati positivi che sale ora a 9 gare senza subire sconfitte nel 2019, portando a 31 i punti in campionato, a tre lunghezze di distacco dal Bournemouth.

Le prossime gare infrasettimanali di Premier League

Passando invece in rassegna le gare mancanti all’appello, segnaliamo tra tutte il derby londinese tra Chelsea e Tottenham, con i Blues di Sarri che vorranno di sicuro mettersi alle spalle la sconfitta in Coppa di Lega e tutte le polemiche degli ultimi mesi.

Restando nell’ambito di Londra, l’Arsenal di Emery affronterà invece in casa il Bournemouth, mentre il West Ham dovrà vedersela coi campioni in carica del City.

Completano il calendario del ventottesimo turno le sfide tra Southampton e Fulham, Crystal Palace e Manchester United e infine quella tra Liverpool e Watford.

Assistenza caldaie: un’introduzione a ditte e professionisti

Hai cercato in Rete e sei arrivato su siti come www.assistenzacaldaie-berettaroma.it di professionisti del settore; con ogni probabilità al loro interno troverai tutte le informazioni di cui hai bisogno su tecnici del riscaldamento e co.; non è detto però che tutto questo serva a rispondere alla domanda iniziale: quando e perché serve una ditta di assistenza caldaie?

Quando e perché serve rivolgersi all’assistenza caldaie

Al contrario di quanto si potrebbe pensare, ci sono molte occasioni in cui è bene – se non strettamente necessario – consultare realtà di questo tipo. Pensa, per esempio, al momento in cui hai bisogno di progettare il sistema di riscaldamento della tua casa: bastano dei condizionatori ad aria calda? o la soluzione migliore è quella dei termosifoni? e, se è così, quante piastre servono e in che ambienti? Come potrai immaginare, solo un vero professionista del settore può rispondere a domande come queste, grazie alla sua conoscenza del mercato e alla capacità di valutare, caso per caso, le reali necessità di edifici e clienti. Già così, insomma, dovresti aver capito come una ditta di assistenza caldaie è, in realtà, l’alleato ideale in fase di progettazione, quando si tratta di prendere una serie di decisioni strategiche che riguardano la tua casa.

Va da sé che realtà di questo tipo si occupano anche di installazione di caldaie e piastre. La cosa fondamentale in questo senso è scegliere una ditta che lavori con l’azienda madre di riferimento che si è scelta: quello che un “profano” potrebbe non sapere, infatti, è che non tutti tecnici di assistenza caldaie lavorano in realtà con le caldaie di tutte le marche e che ci sono ditte specializzate per esempio in caldaie Beretta, eccetera. Ovviamente sui siti come www.assistenzacaldaie-berettaroma.it è oltremodo semplice ottenere questo tipo di informazione.

Una ditta del settore, comunque, si occupa anche di assistenza e riparazione, spesso prevedendo policy ad hoc per i suoi clienti “fedeli” o per caldaie che ha provveduto a installare. Guai a dimenticare, infine, la manutenzione ordinaria o il controllo dei filtri e del livello dei fumi.