Gestire la pagina social di un’attività produttiva o professionale

La gestione di una pagina social è un’attività molto più complessa di quanto si creda, soprattutto quando si tratta di un profilo professionale con specifici obiettivi da raggiungere. Canali social frequentati da milioni di utenti, come Instagram o Facebook, possono infatti essere utilizzati in un contesto professionale al fine di ottenere importanti contatti, raggiungere un ampio numero di potenziali clienti e intrattenere una serie di rapporti professionali e molto utili con gli influencer che ormai dominano questo mondo.

 

Ovviamente, per ottenere un risultato importante e soddisfare i propri obiettivi, la gestione del profilo social deve essere effettuata con la massima accuratezza e precisione ad ogni dettaglio, scegliendo contenuti idonei e interessanti.

 

Si raccomanda quindi di affidare un progetto così importante ad un Social Media Manager Milano di elevata professionalità, in grado di trarre vantaggio da tutte le potenzialità delle pagine social, di realizzare piani editoriali e campagne marketing di qualità e di fissare obiettivi determinanti per l’andamento dell’azienda.

 

Una gestione eccellente dei profili social è indispensabile per avvicinare un grande numero di contatti e di potenziali clienti, per diffondere e promuovere il proprio brand su un vastissimo territorio, valorizzandone i punti di forza, e di conseguenza incrementare le vendite e gli affari.

 

Cosa sono le campagne di social media marketing

 

Per ottenere il meglio da un profilo social e sfruttare tutte quelle funzioni che lo rendono un ottimo strumento di comunicazione per qualsiasi azienda, è importante affidarsi, come abbiamo detto, ad un professionista. Scegliere un’agenzia specializzata nel marketing online e in particolare nella creazione e gestione di profili social aziendali è la soluzione migliore, che permette di poter contare su pagine social sempre ben aggiornate e ricche di contenuti attraenti.

 

Ma non solo: la gestione di un profilo social per un’azienda è un’attività complessa, che richiede la progettazione e pianificazione di campagne marketing concepite su misura per raggiungere determinati obiettivi. Il fine di un profilo social è quello di attirare un grande numero di followers i quali, grazie agli strumenti di condivisione, continueranno a diffondere il marchio in un contesto molto vasto.

Mailing list o social network: quale usare per la promozione della tua attività

Ci sono diversi strumenti per promuovere la tua attività e il tuo business. Oggi puntiamo l’attenzione su due in particolare che sfruttano la rete internet per raggiungere il tuo pubblico target, cioè la mailing list e i social network, per caprie come funziona e quali sono i loro pro e contro, aiutandoti a decidere quale prendere in considerazione.

Mailing list: che cos’è e come funziona

La mailing list non è altro che una lista di indirizzi di posta elettronica a cui inviare tutte le comunicazioni inerenti la tua attività e il tuo business: per esempio, puoi inviare ai tuoi clienti più affezionati una comunicazione via mail per avvisare dell’inizio degli sconti promozionali di fine stagione oppure avvisare di une veno interessante che sponsorizzi. Può esser un modo come un altro per tenerti in contatto con i clienti, vicini e lontani. Di solito, è molto incisiva sui clienti affezionati ma può esser utile per creare maggiore fedeltà in quei clienti che vengono da te solo una volta ogni tanto.

Tuttavia, può esser un’arma a doppio taglio perché troppo mail possono risultare fastidiose. Alcuni possono trovare noioso ricevere tante mail e quindi fai attenzione a non esagerare. Crea piuttosto una mail mensile che può effettivamente risultare utile e raggiungere l’obiettivo di promozione.

Social network: cosa sono e come funzionano

I social network sono nati per i privati ma oggi sono ottimi anche per le attività di promozione e simili. Ci sono diversi social network da usare e da selezionare anche in base al pubblico target che vuoi raggiungere. Infatti, una buona strategia deve individuare un pubblico, una certa fetta di mercato definita da caratteri quali età, sesso, etc.

Sebben sembrino degli strumenti molto potenti, devi ricordare che perché funzioni davvero devi usarli in modo continuativo e intelligente. Forse non tutti hanno al dimestichezza di usare i social come Facebook, Instagram etc. perciò sarebbe il caso di affidarsi a un social media manager, indicato anche dalla sigla SMS.

Per prendere subito un appuntamento, clicca qui www.365social.it

 

 

Pressione della caldaia: valori corretti e operazioni per regolarla

La pressione della caldaia è un parametro fondamentale per garantire il suo corretto funzionamento nel corso del tempo. Infatti, per la produzione della acqua calda sanitaria che serve al sistema idraulico ma anche al sistema di riscaldamento, è fondamentale che la pressione che sia sempre È tenuta sotto controllo e antico corretti. Per scoprire quali sono questi parametri e anche che cosa fare in caso di malfunzionamenti, leggi immediatamente questa guida che fa sicuramente la differenza.

Qual è il valore corretto della pressione e come si controlla

Quando si parla di pressione della caldaia, è fondamentale capire che ci sono dei valori il limite da non superare. Per il corretto funzionamento della caldaia, la pressione dovrebbe essere sempre inclusa tra 1 e 2 bar.

Dopo sorge spontanea la domanda su come puoi fare a controllare il valore della caldaia per assicurarti che tutto funzioni correttamente. Piuttosto semplice controllare la pressione e poi farlo anche tu di tanto in tanto. Su tutti i modelli di caldaia, dovrebbe essere presente nella parte fontane uno piccolo manometro che indica questo valore. Di solito, anche le caldaie di Ultima generazione che hanno un display elettronico, utilizzano ugualmente il manometro che è più preciso.

Nel momento in cui vuoi conoscere il valore più preciso della pressione che dovrebbe avere la tua caldaia, puoi controllare quanto indicato sul manuale d’uso ma anche chiedere direttamente a un valido tecnico della manutenzione e assistenza caldaie Hermann Saunier Duval Milano.

Che cosa fare per sistemare il valore della pressione della caldaia

Se la tua caldaia a problemi di pressione troppo alta o troppo bassa, puoi fare diverse operazioni per regolarla anche da te. Di solito, il tecnico della manutenzione e assistenza caldaie Hermann Saunier Duval Milano sfiata i termosifoni aprendo le valvole in maniera da far uscire eventuali bolle D’aria e condensa che si possono naturalmente creare nel corso del tempo. Potrebbe essere utile anche introdurre nuova acqua nel circuito aprendo un apposito rubinetto.

Come organizzare un trasloco: oggetti difficili da spostare

Nel momento in cui si affronta un trasloco, bisogna rendersi conto che non è così facile come potrebbe sembrare. Le difficoltà arrivano soprattutto nel momento in cui si devono organizzare per il trasporto verso la nuova abitazione oggetti particolari diversi dai più semplici libri. Fino questa breve guida è possibile trovare alcuni consigli per traslocare In maniera facile gli oggetti più particolari.

Gli oggetti ingombranti

Per iniziare, bisogna aprire un capitolo a parte per tutti gli oggetti ingombranti cioè di dimensioni notevoli. Sono difficili da organizzare ma soprattutto da spostare. Ovviamente, il primo consiglio è quello di smontare il più possibile, sebbene a volte non sia sempre possibile. Per spostarli, si possono trascinare sul pavimento dopo però Averlo protetto adeguatamente con una vecchia coperta o un pezzo di cartone. Molti decidono di portare fuori dalla finestra o da ampie porte finestre perché spesso la parte complicata è far passare gli ingombranti dalle porte di ingresso e nel giro scale.

Il guardaroba

Alcune difficoltà possono sorgere anche nel momento in cui bisogna organizzare il guardaroba per il trasloco. Il trucco è quello di trattare tutti gli indumenti come quando si parte per un viaggio. Tutto va messo all’interno di valigie e borsoni. Si tratta del modo migliore per impedire che gli indumenti si stanchino e si sgualciscano. In casa diventa Quindi più facile e veloce perché non occorre lavarli, stenderli stirarli e piegarli nuovamente.

I fragili

Grande attenzione durante un trasloco va destinata a tutti gli oggetti fragili che si possono rompere e infrangere durante le operazioni dei traslochi. Occorre procurarsi tutto il materiale da imballaggio per avvolgere non solo piatti e bicchieri ma anche gli schermi piatti di computer e televisori che non vanno mai sottovalutati.

La dispensa

Ovviamente, prima di traslocare sarebbe meglio non fare la spesa e finire tutte le scorte di cibo presenti in dispensa. Quello che resta può essere facilmente trasportato in casa nuova utilizzando le classiche borse della spesa riutilizzabili che sono ampie, resistenti e larghe.

Per prendere subito un appuntamento, clicca qui www.traslochi-aroma.it

 

Liberati dai peli superflui con un epilatore a luce pulsata

Vorresti liberarti dai peli superflui con un sistema rapido ed efficace? Vuoi evitare di spendere tempo e soldi nei centri estetici e ottenere comunque un risultato di alto livello? La soluzione migliore è la luce pulsata, un metodo già in uso nei centri estetici professionali, ma oggi disponibile anche in versione domestica, grazie alla disponibilità sul mercato degli epilatori realizzati con questa tecnologia.

 

Fino a poco tempo fa per liberarsi dai peli superflui esistevano solo metodi tradizionali, come creme depilatorie o rasoi elettrici e manuali, che provocavano spesso l’effetto contrario, stimolando una maggiore ricrescita. Un altro metodo di depilazione classica è la ceretta, fastidiosa e dolorosa anche se praticata da una professionista, e comunque difficile da utilizzare in tutte le zone del corpo.

 

La tecnologia, fortunatamente, è venuta in aiuto anche della bellezza, e la luce pulsata oggi rappresenta l’ultima generazione in fatto di epilazione professionale e semiprofessionale. Gli epilatori a luce pulsata ad uso domestico sono disponibili sul mercato in diversi modelli e permettono di ottenere un risultato eccellente e duraturo, senza comportare alcun disagio o dolore.

 

Nella scelta di un epilatore a luce pulsata è molto importante verificare la qualità e l’affidabilità, scegliendo prima di tutto un marchio già noto nel settore dell’estetica e della bellezza. Consultare le opinioni di chi ne abbia già fatto uso è un’ottima soluzione per procedere con la scelta ideale: io ho visto la recensione qui e l’ho messa a confronto con altre versioni per poi procedere con la scelta e con l’acquisto, direttamente online.

 

A tale riguardo, è bene ricordare che anche il prezzo, trattandosi di una tecnologia moderna, non può essere troppo economico, tuttavia è possibile trovare spesso online offerte e promozioni interessanti.

 

Perché la luce pulsata è considerata una tecnica eccellente

 

La luce pulsata deriva dal laser, in pratica si tratta di una lampada che emette alcuni lampi di luce di intensità variabile, arrivando a bruciare la melaina contenuta nel bulbo pilifero e, di conseguenza, ad inibire la ricrescita dei peli. Per questo motivo, se applicata correttamente, la luce pulsata porta da una graduale eliminazione dei peli quasi totale, o comunque ad un significativo diradamento e indebolimento.

 

L’azione sulla melanina permette all’apparecchio di agire con maggiore efficacia sulle pelli chiare con peli scuri, mentre in caso di pelle scura o nera e peli biondi, bianchi o rosso chiaro sarà difficile ottenere un risultato soddisfacente.

 

Esistono comunque apparecchi che riconoscono la tonalità della pelle e adattano adeguatamente la potenza della luce: si consiglia di scegliere un modello di questo tipo soprattutto se si pensa di condividere l’uso del dispositivo.

 

I produttori indicano comunque molto chiaramente sia le informazioni riguardo all’intensità della lampada, sia a quale tonalità di pelle si addica maggiormente.

 

Quanto tempo occorre per un’epilazione totale

 

Indicativamente, si può dire che per ottenere un’epilazione totale sia necessario circa un anno, attenendosi alle indicazione del produttore dell’apparecchio per quanto riguarda la frequenza dei trattamenti. In seguito, sarà sufficiente effettuare qualche ritocco periodico, una o due volte l’anno.

Come rendere più sicuro il giardino di casa

Certamente avere un giardino e uno spazio verde attorno alla casa è un punto di Grande pregio, In grado anche di aumentare il valore dell’immobile. Gli spazi verdi consentono di trascorrere all’aperto più tempo possibile godendosi le belle giornate di sole non appena arriva la stagione calda. Ciononostante, bisogna mettere in conto che uno spazio verde può essere la via di ingresso per dei malintenzionati che vogliono avvicinarsi all’abitazione. Questo significa che conviene sempre fare riferimento a un valido fabbro che possa non unire lo spazio di tutte le soluzioni più all’avanguardia contro i ladri, aumentando il livello di sicurezza. Rivolgersi a un professionista di questo calibro in assoluto il modo migliore per stare più tranquilli, soprattutto quando si è lontani da casa. Ci sono tante soluzioni per rendere il giardino di casa più sicuro, come spiegato in questa breve guida che segue.

La recinzione esterna

Sebbene molti decidano di realizzare una bordatura verdeggiante, ciò non significa non poter installare anche una recinzione esterna era di limitare spazio del giardino. Entrambe le soluzioni aiutano ad avere sia privacy e protezione dagli occhi indiscreti ma anche un livello più alto di sicurezza. Infatti, la recinzione rappresenta un ostacolo per eventuali ladri e malviventi. Di solito, si preferiscono strutture con delle parti acuminate in Cima per rendere più difficile scaricare.

Il cancello automatico

Se lo spazio esterno prevede anche un box auto o simile, è fondamentale avere anche un cancello di tipo automatico. È una soluzione sicuramente migliore e preferibile rispetto ad altre classiche con serratura che sono di più facile manomissione.

La porta sul retro

Un aspetto molto importante che riguarda la sicurezza degli spazi esterni come il giardino di casa riguarda la porta sul retro. Moltissime persone commettono l’errore di sottovalutare la porta sul retro che invece una delle vie di ingresso predilette e preferite dalla prima di Bentivoglio introdussi nell’ambiente di casa.

Per avere subito ulteriori dettagli riguardo a tutte queste soluzioni per la sicurezza, fai click su www.fabbrobrescia.info

Perché il robot tagliaerba resta sempre il preferito

Il giardino è un luogo piacevole da vivere e da abitare, e molti amano prendersene cura e provvedere autonomamente al taglio dell’erba e alle altre operazioni di manutenzione. Tuttavia, non è del tutto semplice, alcuni lavori di giardinaggio sono piuttosto complessi, richiedono diverso tempo libero e una certa dimestichezza con gli attrezzi.

Il taglio regolare dell’erba, ad esempio, è la prima condizione a cui attenersi per disporre di un giardino in perfetto ordine, curato e dall’aspetto elegante. Vedere un prato pulito e ben rasato trasmette un’impressione di armonia e di equilibrio anche quando si tratta di un giardino molto piccolo.

Tagliare l’erba del prato è un’operazione piuttosto complessa, in quanto occorre tenere conto di diversi elementi: l’altezza desiderata, la precisione lungo i margini, la presenza di passaggi di difficile accesso e così via. Per chi non avesse esperienza di giardinaggio potrebbe trattarsi di un lavoro complicato e lungo. Perché allora non ricorrere ad un robot tagliaerba?

Il tagliaerba robotizzato permette di avere un prato sempre perfetto, ben curato, ordinato e rigoglioso. Il mercato offre un vasto assortimento per questo tipo di tagliaerba che consente di scegliere tra diverse fasce di prezzo e prestazioni. I robot tagliaerba sotto i 750 euro garantiscono prestazioni eccellenti anche per tappeti erbosi di medie dimensioni, con un minimo ingombro e una serie di prestazioni eccellenti.

Si ricorda inoltre che acquistare online i robot tagliaerba è la soluzione migliore per accedere a interessanti sconti e promozioni e per trovare spesso modelli di fascia alta proposti a prezzi convenienti.

Le funzionalità di base di un robot tagliaerba

Un robot tagliaerba di un costo intorno ai 750 euro, pur non essendo tra i più costosi, non è neanche troppo economico e garantisce una serie di funzioni ideali per mantenere il proprio spazio verde in ottime condizioni.

Questi apparecchi sono in grado di effettuare il taglio dell’erba in autonomia, impostando l’ora di partenza e definendo le aree di lavoro, in commercio è possibile trovare diversi modelli, dai più semplici ai più sofisticati, adatti a gestire un’area verde dai 200 / 300 agli oltre 3000 metri quadri, compresi i terreni in pendenza e con conformazione complessa.

Le funzioni principali di un apparecchio tagliaerba robotizzato consistono nella possibilità di impostare l’ora e la frequenza di partenza, alcuni modelli, generalmente di fascia più alta, sono dotati di connettività wifi e offrono la possibilità di gestire la messa in moto anche tramite applicazione remota.

La silenziosità è una caratteristica comune praticamente per tutti i robot tagliaerba, per questo motivo si adattano ad essere utilizzati anche negli orari notturni, senza il rischio che possano recare disturbo.

Semplicità di utilizzo e sicurezza

Si ricorre al robot tagliaerba soprattutto per la comodità, in quanto permette di evitare la fatica del taglio manuale, che non è affatto semplice, soprattutto per chi non fosse esperto nelle tecniche di giardinaggio. Usare il robot non comporta invece alcun intervento al di là delle impostazioni dell’apparecchio, ed offre il vantaggio di un prato sempre in ottime condizioni.

La sicurezza è garantita dalla presenza degli appositi sensori, che bloccano immediatamente la lama in caso di sollevamento dell’apparecchio o ribaltamento.

 

Siepe: perché crearne una, i vantaggi e le piante più adatte

Nel momento stesso in cui ho comprato la mia prima casa con giardino avevo un’idea fissa in testa. Dovevo montare una siepe. Sia perché esteticamente sono belle, ma soprattutto perché è un modo per riparare il mio giardino da sguardi indiscreti già che era una strada comunque sia dove vivevano anche altre persone.

Iniziai a fare diverse ricerche online per vedere quale era la migliore per me e mi sono trovata davanti tanti tipi di siepe, delle quali adesso ti parlerò.

Il primo suggerimento che voglio darti però è di acquistare una siepe sempreverde, in questo modo il perimetro del tuo giardino è realmente protetto per tutto l’anno. Inoltre più è resistente ai parassiti e agli agenti atmosferici e meglio è, perché in questo modo non dovrai perdere molto tempo alla sua cura, specialmente quando si ammala.

Devi sempre valutare anche il periodo migliore in cui piantare la tua nuova siepe. Generalmente il momento migliore è l’autunno e l’inizio dell’inverno, così da non avere a che fare con un terreno troppo umido. Per altri consigli a riguardo ti suggerisco di guardare su GiardinoDiCasa.it.

Siepi sempreverdi: quali sono le migliori

Qui sotto trovi cinque delle siepi sempreverdi più utilizzate, almeno in Italia, con lo scopo di proteggere il perimetro del giardino o della tua casa. Sono piante sempreverdi, dal fogliame fitto e abbastanza alte da garantirti il tipo di privacy che desideri.

  1. Ibisco: l’ibisco è una pianta molto apprezzata dal punto di vista ornamentale, ma ancor di più se si parla di siepi da giardino. In autunno inoltre diventa anche particolarmente decorativa grazie ai suoi fiori. Fai però attenzione perché i climi molto rigidi li fanno perdere le foglie.
  2. Lauroceraso: è una pianta che cresce fino al metro di altezza e più ed ha una bordatura molto fitta. Le sue foglie invece sono allungate e hanno un colore verde molto brillante.
  3. La photinia: è una siepe dalle foglie verdi, la cui caratteristica unica però è che in estate assumono una colorazione rossa. E’ resistente alle polveri sottili e l’inquinamento.
  4. Il biancospino: è una siepe sempreverde, il cui nome rimanda ai suoi rami spinosi dove crescono le foglie di un verde scuro. Arriva fino ai tre metri di altezza e si rivela particolarmente forte contro gli animali infestanti come per esempio i roditori. I piccoli fiori bianchi invece spuntano nel periodo primaverile.
  5. Il bosso: il bosso (a livello botanico noto come boxus) è una pianta ampiamente coltivata in Italia proprio per creare delle siepi fitte. Può essere tagliata in modo tale che assuma le forme che desideri, questo anche grazie alla sua crescita particolarmente lenta. E’ molto resistente, non ha bisogno di troppe cure e nemmeno di terreni speciali. L’unica cosa che desidera sono i luoghi ombrosi.

 

 

Traslochi senza stress: è davvero possibile?

Il trasloco è una di quelle operazioni che può causare stress e nervosismo perché non è così facile come si potrebbe pensare. Molti sottovalutano i lavori del trasloco che devono essere fatti per cambiare casa senza tenere conto che si tratta di operazioni da svolgere con precisone e organizzazione altrimenti il rischio è quello di non rispettare i tempi stabiliti. Questi elencati di seguito sono alcuni consigli preziosi per tutte quelle persone che si apprestano a traslocare, soprattutto se sono alla prima volta.

Iniziare per tempo

Non c’è tempo da perdere quando si tratta di traslocare. Molti credono di avere tutto il tempo del mondo per iniziare il trasloco ma in realtà non è così. È indispensabile prendersi per tempo e non aspettare l’ultimo minuto. Si tratta di un aspetto fondamentale che non deve essere sottovalutato.

Ci sono un sacco di operazioni che possono esser fatte in anticipo, iniziando da un riordino generale. Si tratta di fare un po’ di pulizia per snellire le operazioni in futuro. Tutto quello che in casa sta lì solo per prendere polvere può esser eliminato.

Si può passare poi alla preparazione di alcuni scatoloni con gli oggetti che non si usano nel quotidiano come i libri delle libreria o altri oggetti di decorazione. In questo modo, ci si porta aventi con i lavori e si ottiene più tempo pro fronteggiare gli imprevisti che, di sicuro, spunteranno fuori.

Preparare tutto quello che serve

Prima di iniziare il trasloco, vale la pena procurarsi tutto quello che serve per le diverse fasi del trasloco. Questo vuol dire iniziare a mettere da parte prodotti quali gli scatoloni che non possono mai mancare durante il trasloco. Sono contenitori versatili che vanno bene per ogni prodotto che va portato in casa nuova. Esistono però anche altri contenitori alternativi che si possono sfruttare come per esempio le cassettine in plastica.

Tra quello che può servire per organizzare un trasloco, si può parlare anche di veicoli e mezzi. Per esempio, grazie al noleggio autoscala Monza Brianza si ha un veicolo per operare ai piani alti e facilitare il trasporto degli ingombranti.

Stasatura di scarichi e tubatura: ecco in cosa consiste

In un contesto domestico, l’inconveniente degli scarichi intasati è una situazione molto frequente, che può provocare facilmente problemi anche molto seri e complessi. Dallo scarico del lavello di cucina, al WC, alla doccia, al tubo della lavatrice, non è affatto raro che in casa si verifichino problemi di ostruzione delle tubature e talvolta perfino piccoli allagamenti.

 

In queste situazioni, è molto importante rivolgersi subito ad un professionista, per rimettere rapidamente in funzione lo scarico ed evitare che il problema possa aggravarsi ulteriormente.

 

L’impresa di pronto intervento spurghi www.spurghimilano.eu, è specializzata nel lavoro di disostruzione e spurgo di scarichi domestici e industriali, e offre un servizio rapido, completo e personalizzato. È possibile contattare l’impresa in qualsiasi momento, 24 ore su 24, per richiedere lo spurgo e la disostruzione degli scarichi intasati, che verrà effettuato entro poche ore, così come pianificare una serie di interventi di manutenzione periodica.

 

Scarichi e tubature degli ambienti residenziali sono spesso soggetti a questi problemi a causa dei rifiuti solidi o semisolidi che si accumulano all’interno delle tubature e delle incrostazioni di calcare. Una manutenzione regolare è un ottimo sistema di prevenzione che permette di evitare gli interventi complicati e costosi.

 

Scarichi domestici intasati, cosa fare per rimediare

 

Quando lo scarico del lavello di cucina, del lavabo o del WC si bloccano, è importante intervenire rapidamente per evitare un possibile allagamento o un ulteriore danno della tubatura interna.

 

La soluzione migliore è quella di rivolgersi ad un professionista, tuttavia si può provare prima con qualche semplice rimedio casalingo: se il problema è provocato solo da un piccolo intasamento, a volte si può risolvere anche in autonomia. Si raccomanda prima di tutto di evitare l’uso di acido e sostanze corrosive che, in caso di spruzzi e fuoriuscita di acqua, potrebbero essere realmente pericolose.

 

Si può ricorrere invece a qualche prodotto naturale: l’aceto bianco di vino e l’acido citrico sono molto efficaci per rimuovere le incrostazioni di calcare. Nel caso di piccoli rifiuti caduti nello scarico del lavello, si può provare con poco detersivo per piatti biologico seguito da un getto di acqua bollente. Ovviamente, se questi metodi non funzionano, si rende necessario contattare al più presto un’impresa qualificata.